Ipnosi Clinica e Ipnoterapia

L'ipnosi è il metodo che riesce a provocare cambiamenti molto profondi in noi (emozioni, percezioni, pensamenti, comportamenti non desiderati), a traverso suggestioni, metafore, storie e induzioni che ci portano a uno stato di trance, cioè uno stato di rilassamento e profonda attenzione.

È uno stato mentale in cui entriamo in contatto profondo con il nostro inconscio e il nostro “sé superiore“, fonti delle nostre infinite capacità e possibilità. Stabiliamo così un dialogo con la nostra parte più profonda per ottenere gli strumenti che ci aiuteranno a cambiare, a sentirci meglio, a vivere più pienamente, a superare le nostre difficoltà personali, relazionali, relazionali o professionali e per soddisfare le nostre esigenze di cambiamenti vitali.

Questo stato di ipnosi è molto utile per:

In medicina ha una grande applicabilità in: 

 

Come agisce?.

Grazie all’ipnosi, si entra in uno stato di trance (uno stato di onde cerebrali a bassa frequenza) e  il nostro organismo si rilassa mantenendo il nostro stato cognitivo attento e pronto a comunicare con il nostro inconscio e il nostro “sé superiore”. Questa comunicazione  ci permetterà di comprendere la nostra situazione e / o difficoltà a trovare la soluzione più adatta alle nostre esigenze di cambiamento o trasformazione. Stabiliamo così un dialogo con la nostra mente inconscia e con il nostro “Sé Superiore” per ottenere gli strumenti che ci aiuteranno a raggiungere i nostri obiettivi di cambiamento terapeutico o cambiamento di direzione di vita.

Sebbene circondati da miti e leggende, così diffusi da programmi televisivi e ipnosi teatrali, esistono false credenze che dovrebbero essere chiarite:

1) L’ipnosi implica una perdita di coscienza: è falso. In uno stato di ipnosi manteniamo la nostra concentrazione e la nostra attenzione, ci permettiamo di farci venire immagini, partecipando attivamente a ciò che appare davanti “alla vista dei nostri occhi chiusi”. Infatti “chiudiamo gli occhi per vedere meglio”.
2) L’ipnosi implica una perdita di controllo e di volontà: Anche questo, totalmente falso. L’ipnosi non ci porterà mai a fare qualcosa che non vogliamo fare poiché siamo in uno stato di completa consapevolezza e attenzione. L’ipnosi dipende dal grado in cui ci lasciamo andare e fluire. Più siamo in grado di farlo, più facile sarà entrare in uno stato di trance ipnotico.
3) Con l’ipnosi ricorderò e attraverserò tutti i momenti difficili della mia vita. Non è così. Con l’ipnosi possiamo attraversare parti del tuo passato senza dover rivivere le stesse emozioni con la stessa intensità.

 

Ipnosi Ericksoniana e PNL (Programmazione Neuro-Liguistica)

Sviluppato da Milton Erickson, psicologo e psichiatra americano e pioniere nell’uso dell’ipnosi come “semplice conversazione” con i suoi pazienti, questo tipo di ipnosi viene realizzato grazie all’uso di metafore, storie, dialoghi che facilitano l’apertura mentale , riflessione e maggiore creatività. Queste tre condizioni, oltre al tono e al modo di parlare dell’ipnoterapeuta, sono quelle che facilitano l’entrata in trance, cioè in uno stato di onde cerebrali a bassa frequenza che facilitano un grande rilassamento mentale e fisico, aumentando la capacità di attenzione, concentrazione, pensiero divergente e creazione di soluzioni per ottenere i cambiamenti cognitivi, emotivi, fisiologici e comportamentali desiderati. La PNL cerca soluzioni tratte dal Modello di Intervento Erickson, tenendo conto che non sempre è necessario provocare la trance per provocare il cambiamento: manterremo lo stato di “essere svegli”, provocando anche cambiamenti a livello “neuro-emotivo” che cambieranno i comportamenti che vogliamo modificare.

Ana del Pino Jamin

Psicologa e PsicoCoach Umanista-Transpersonale

Psicologa, psicoterapeuta e docente, mi considero appassionata di accompagnare altre persone nel loro cammino verso il cambiamento desiderato e condividere le conoscenze che ho acquisito e tuttora acquisisco. Formata presso le Università di Barcellona (UB), Montréal (UQAM) e Louvain (UDLN).

Chat
Consultas
Hola, ¿necesitas más información o una primera cita online o presencial?